Da che parte stai?

Fase del progetto

Preliminare

Obiettivi

  • stimolare discussioni ed elaborare idee su determinati temi;
  • responsabilizzare le e i partecipanti sui temi discussi;
  • stimolare il pensiero critico.

Indicazioni

  • Partecipanti: tra 5 e 10 per ogni gruppo;
  • Più di una stanza, in base al numero di gruppi;
  • Lavagne a fogli mobili (una per gruppo);
  • Due segni (“sì” e “no”) attaccati alle pareti opposte di ogni stanza;
  • Tempo: tra 30 e 60 minuti (in base al numero delle dichiarazioni);

Risultati di apprendimento

  • Le e i partecipanti acquisiranno maggiore consapevolezza rispetto ai temi/argomenti;
  • Le e i partecipanti impareranno a pensare in maniera critica;
  • Saranno raccolte e confrontate diverse opinioni.

Attività

Preparazione

Formatrici e formatori preparano un certo numero di affermazioni (5-10) riguardanti vari aspetti degli argomenti su cui desiderano far riflettere le e i partecipanti, e riportano tali argomentazioni su fogli di flip chart. Quindi, preparano una stanza per ogni gruppo, mettendovi la lavagna a fogli mobili e appendendo i due segni Sì e No sulle pareti opposte di ogni stanza.

 

Fase 1.

Formatrici e formatori dividono le e i partecipanti in piccoli gruppi (composti da 5 a 10 persone), fanno accomodare ogni gruppo in una stanza e spiegano loro l’attività.

 

Fase 2.

Formatrici e formatori presentano l’affermazione al singolo gruppo. Le e i partecipanti dovranno prendere una posizione e avvicinarsi ai cartelli con su scritto “Sì” o “No” in base al loro grado di accordo o disaccordo.

 

Fase 3.

Quando tutte e tutti avranno preso una posizione, dovranno spiegare le proprie ragioni. A questo punto chiunque potrà cambiare liberamente la propria posizione, in base alle argomentazioni presentate dalle e dai partecipanti.

Lo scopo dell’attività in questa fase non è quello di raggiungere un consenso, sta quindi a formatrici e formatrici scegliere il momento adeguato per finire la discussione e passare all’affermazione successiva.

 

Fase 4.

Bisognerà seguire la medesima procedura per tutte le affermazioni.

Quando tutte le affermazioni saranno state discusse, formatrici e formatori potranno chiedere alle e ai partecipanti di esprimere il loro parere in modo da chiarire eventuali dubbi.

 

Conclusione

Alla fine, dal momento che è probabile che i vari gruppi non siano riusciti a raggiungere un consenso generale, potrebbe essere utile porre alcune domande, come ad esempio:

  • Perché è stato così difficile trovare un accordo su alcune affermazioni? E perché è stato, invece, più facile per altre?
  • Le e i partecipanti hanno delle posizioni più nette su alcuni temi? Perché?
  • Quali temi vorrebbero approfondire le e i partecipanti?

 

Riflessioni

Suggerimenti per la stesura delle affermazioni:

  • formatrici e formatori dovranno individuare i temi più importanti relativi a un campo specifico e scegliere una lista di argomenti di cui discutere;
  • una volta scelti gli argomenti, formatrici e formatori potranno concentrarsi su punti di vista opposti rispetto ai singoli temi;
  • Infine, dovranno formulare un’affermazione per ogni punto che dia voce a un punto di vista abbastanza estremo (è bene evitare conclusioni troppo ovvie e parole come “forse”, “piuttosto”, ecc.)

 

FONTE

Adattato da: Intercultural Learning T-Kit No.4, Consiglio d’Europa e Commissione Europea, novembre 2000